Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione separata


Dal 3 agosto 2020, sono introdotte le nuove funzionalità per comunicazioni specifiche di componenti di studi associati, per la presentazione di domande di rimborso e per consentire l’aggiornamento dei contatti.


I soggetti che producono reddito da lavoro autonomo possono esercitare l’attività di arte e professione anche in forma associata; nella domanda di prima iscrizione come professionista, il soggetto, componente di studio associato o società semplice, specifica il proprio status di componente dell’associazione tra professionisti o della società semplice e indica il relativo codice fiscale. In alcuni casi, però, si può verificare che la partecipazione a un’associazione tra professionisti o società semplice intervenga dopo l’istanza di iscrizione alla Gestione separata effettuata dal contribuente.
Al fine di avere un puntuale aggiornamento di questi eventi è stata rilasciata una funzione nella quale è possibile inserire: la partita IVA dell’associazione tra professionisti o società semplice; la data di inizio della partecipazione nell’associazione tra professionisti o nella società semplice; la data di fine partecipazione nell’associazione tra professionisti o nella società semplice.
Alla funzionalità si accede dalla voce di menu “Partecipazione studio associato”, utilizzando il seguente percorso: “Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione Separata ” > “Partecipazione a studio associato”; cliccando sull’apposita voce, compare una schermata nella quale inserire la partita IVA dello studio associato o della società semplice; saranno visualizzate, se presenti, le partecipazioni del soggetto a uno o più studi associati o società semplici, con l’indicazione degli intervalli temporali (“Data Inizio” e “Data Fine”). Inserendo la data fine, la partecipazione allo studio associato o alla società semplice corrispondente risulterà chiusa. La nuova funzione permette, anche ai fini del DURC, l’aggiornamento della posizione anagrafica e, di conseguenza, l’aggiornamento della posizione assicurativa.
All’interno del menu “Domande telematizzate”, presente nel Cassetto previdenziale, è stata inserita una nuova funzione, denominata “Domande di rimborso”, che consente l’invio di una domanda di rimborso. La nuova funzione sostituisce la precedente modalità di trasmissione delle istanze di rimborso presente tra i servizi web per il cittadino. La funzione permette: l’inserimento automatico dell’istanza di rimborso tra le domande da lavorare da parte delle Strutture territorialmente competenti; la verifica puntuale dello stato dell’iter del rimborso.
È possibile accedere alla funzione mediante la voce di menu “Domande di rimborso”, utilizzando il seguente percorso: “Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione Separata” > “Domande Telematizzate” > “Domande di rimborso”. Il professionista, all’interno della domanda, deve indicare: l’anno di rimborso, ossia l’anno di imposta in cui è maturato il credito a disposizione (visualizzabile dalla funzione “situazione riepilogativa”); la motivazione del rimborso (ad esempio, eccedenza di massimale oppure errato versamento, ecc.); l’indirizzo PEC; il codice IBAN, tale informazione è obbligatoria in quanto non è possibile rimborsare con assegno domiciliato; l’importo del rimborso, (l’importo disponibile può essere verificato dalla funzione “situazione riepilogativa”).
Terminato l’inserimento dei dati, è necessario acquisire la domanda mediante il pulsante “Acquisisci”; solo dopo aver effettuato l’acquisizione, la procedura genera il numero di protocollo dell’istanza. L’Inps specifica che, deve essere presentata una distinta domanda di rimborso per ogni anno di imposta, essendo necessario effettuare specifici controlli.
Quanto alla funzionalità “PEC e Contatti” consente al professionista o all’intermediario di aggiornare i contatti.
Alla funzionalità “PEC e Contatti” è possibile accedere dalla voce di menu “Anagrafica Soggetto”, mediante il seguente percorso: “Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione Separata” > “Anagrafica Soggetto”.
Dal menu, selezionando la voce “Anagrafica Soggetto”, vengono visualizzate informazioni di dettaglio relative al soggetto e, mediante il tasto “Modifica”, la procedura restituisce una maschera che consente di inserire o modificare i dati presenti.

Contattaci
Invia con WhatsApp